Amici: Alessandra Amoroso vado a NEW YORK a studiare canto

L’undicesima edizione di “Amici”, il talent show di Mediaet, è stata vinta da Alessandra Amoroso. Dopo la proclamazione, Alessandra, davanti al pubblico festante dell’Arena di Verona, ha duettato con Emma, l’altra finalista, il «Non è l’inferno». Le due cantanti salentine divideranno il premio e si esibiranno insieme in un concerto gratuito all’Arena di Verona.

melissa, amici, brindisi, de filippi, verona, finale

Un discorso di pochi minuti e poi la standing ovation. «Questa trasmissione è per Melissa e per tutti voi che non chiedete altro che di vivere normalmente»: cosi Maria De Filippi ha ricordato la studentessa di 16 rimasta uccisa stamane nell’attentato a Brindisi in apertura della finale di Amici, in onda in diretta dall’Arena di Verona. Poi tutto il pubblico dell’Arena, i giornalisti e l’Orchestra si sono alzati in piedi per un lungo applauso.
 

La trasmissione di sabato sera ha avuto momenti di tensione per la gara, ma anche di ironia soprattutto grazie a Virginia Raffaele, che ha offerto la ormai celebre imitazione di Belen, contestatissima dal pubblico per la sua love story con l’ormai ex fidanzato di Emma, l’aitante e giovanissimo ballerino Stefano De Martino: «Sono innamorata, anzi ieri lo ero, oggi non lo so perchè non ho comprato il giornale», dice la finta Rodriguez facendo esplodere il pubblico in un applauso.

 Sul palco arriva così Alessandra Amoroso, che con la sua Stupida fa cantare all’unisono tutta l’Arena. Le due salentine si danno del filo da torcere, sfidandosi a colpi di hit, sotto lo sguardo vigile e materno di Maria De Filippi che, non c’è dubbio, anche stavolta ha vinto la sfida portando a casa un ottimo risultato. Candidandosi forse a lanciare una valida alternativa al festival di Sanremo. La sensazione è che questo appuntamento con l’Arena potrebbe essere solo il primo di una lunga serie.
 

Amici: Alessandra Amoroso vado a NEW YORK a studiare cantoultima modifica: 2012-05-20T21:38:05+02:00da elamanu1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento